PILLOLA 18 – VERSO LA PERFETTA UMILTA’

PILLOLA 18 – VERSO LA PERFETTA UMILTA’

PILLOLA 18 – VERSO LA PERFETTA UMILTA’ La laude LV , “Che farai, fra Jacovone?” La confessione che Jacopone fa con il verso della “vil cosa” della laude precedente ci fa capire bene cosa accadde negli anni maledetti 1295-97, quando con l’alternanza...
PILLOLA 17 – ULTIMO RESIDUO DI ORGOGLIO

PILLOLA 17 – ULTIMO RESIDUO DI ORGOGLIO

PILLOLA17 – ULTIMO RESIDUO DI ORGOGLIO La laude XXVIII , “Assai m’esforzo a guadagnare” Jacopone aveva ragionato bene , ma razzolava male: il suo istinto non era del tutto domato. In nessuna laude come nella XXVIII   “Assai m’esforzo a guadagnare”...
PILLOLA 16 – INNO ALLA POVERTA’

PILLOLA 16 – INNO ALLA POVERTA’

PILLOLA 16 – INNO ALLA POVERTA’ La povertà di spirito libera da ogni timore e schiavitù e ci rende di fatto padroni di vivere nella libertà, di godere la bellezza della natura, di conoscere e amare paesi diversi, di innamorarsi del sole e della luna, dei...
PILLOLA 15 – LIBERTA’ !

PILLOLA 15 – LIBERTA’ !

PILLOLA 15 – LIBERTA’ ! La laude LX  –  “O amor de povertate” Questa laude è come una sinfonia che si alza progressivamente di tono e di timbro, per giungere infine al finale “fortissimo” dell’ultima strofa, capace di occupare tutte le frequenze del...
PILLOLA 14 – ROVESCIAMENTO DI PROSPETTIVE

PILLOLA 14 – ROVESCIAMENTO DI PROSPETTIVE

PILLOLA14 – ROVESCIAMENTO DI PROSPETTIVE La laude LX  –  “O amor de povertate” Nell’ultima parte della laude, Jacopone, tra paradossi e dichiarazioni di incapacità ad esprimersi, dice qualcosa che è difficile da dire e da credere. La perfetta umiltà...