In latino, la qualità musicale di queste prime nove parole è sbalorditiva. Il ritmo regolare e le parole polisillabe in dolce rima conferiscono alle tre brevi linee una profondità e una forza che nessuna traduzione potrà mai rendere» E questo commento si aggiunge agli altri numerosi basati sulla conoscenza della lingua e della ispirazione di Jacopone per concludere che questo inno è di così alta qualità poetica che “non può che essere di Jacopone”