LE 92 LAUDI AUTENTICHE

in ordine alfabetico del primo verso, con la numerazione romana con la quale sono stampate nell’edizione princeps di Francesco Bonaccorsi del 1490, nell’edizione critica di Franca Ageno del 1953 e nell’edizione commentata di Claudio Peri del 2020

Pubblicazione Laudi. Jacopone da Todi. Ediz. a colori è un libro a cura di Claudio Peri pubblicato da Fabrizio Fabbri Editore

A fra Ianne da la Verna.
A l’amor ch’è venuto
Alte quattro vertute
Amor de caritate
Amor diletto, Cristo beato
Amor, diletto amore.
Amore contraffatto.
Amore, che ami tanto.
Anema, che desideri
Assai m’esforzo a guadagnare.
Audite una ’ntenzone.
Audite una ’ntenzone
Che fai, anema predata?
Che farai fra Jacovone?
Che farai, Pier da Morrone?
Cinque sensi mess’ò el pegno.
Co l’occhi c’aio nel capo.
Donna de paradiso
Fede, spene e caritate.
Figli, neputi, frate, rennete.
Fugo la croce.
Guarda che non caggi, amico, guarda!
Iesù Cristo se lamenta (laude di nostalgia).
L’Amor lo Còr sì vol rennare.
L’anema ch’è viziosa.
L’omo fo creato vertuoso.
La Bontade se lamenta.
La Bontate enfinita.
La fede e la speranza.
La superbia de l’altura
La Veretate piagne (laude di angoscia).
Lo pastor per mio peccato.
Molto me so delongato.
’N cinque modi appareme.
’N sette modi.
’Nsegnatime Iesù Cristo.
O alta penetenza.
O amor de povertate.
O amor, devino amore, amor, che non si amato!
O amor, devino amore, perché m’hai assidiato?
O amore che m’ami.
O amore muto.
O anema fedele.
O anema mia, creata gentile.
O castetate, fiore.
O corpo enfracedato.
O coscienzia mia.
O Cristo onnipotente, dove site enviato?
O Cristo onnipotente.
O Cristo pietoso.
O derrata guarda al prezo.
O dolze amore.
O femene, guardate.
O fra Ranaldo, do’ èi andato?
O Francesco povero.
O Francesco, da Deo amato.
O frate, briga de tornare.
O frate, guarda ’l viso.
O iubelo del core.
O libertà, soietta.
O me lascio dolente.
O megio vertuoso.
O novo canto.
O papa Bonifazio, eo porto el tuo prefazio.
O papa Bonifazio, molt’hai iocato al monno.
O Regina cortese.
O Segnor, per cortesia.
O Vergen più che femena.
O vita de Iesù.
O vita penosa.
Omo che pò la sua lengua domare.
Omo che vol parlare.
Omo, de te me lamento.
Omo, mittete a pensare.
Omo, tu se’ engannato
Or chi averà cordoglio.
Or se parrà chi averà fidanza! (laude di accusa).
Or udite la battaglia.
Peccator, chi t’ha fidato.
Piagne la Ecclesia (laude di dolore).
Piagne, dolente alma predata.
Povertate ennamorata.
Quando t’aliegre, omo de altura.
Sapete voi novelle de l’amore.
Segnore, damme la morte.
Senno me pare e cortesia.
Sì como la morte face.
Solo a Deo ne possa piacire.
Sopr’onne lengua, amore.
Tale qual’è, tal’è.
Un arbore è da Deo plantato.
Vorria trovar chi ama. Laude LXXI
Laude LXIII
Laude LXV
Laude LXX
Laude LXXXIX
Laude XXVII
Laude LXVII
Laude XXXIII
Laude LXXXVI
Laude XXXVI
Laude XXVIII
Laude III
Laude XXII
Laude XVI
Laude LV
Laude LIV
Laude V
Laude XLVI
Laude XCII
Laude LXIX
Laude XIX
Laude LXXV
Laude VI
Laude LII
Laude LXXVIII
Laude XIII
Laude XLIII
Laude LXXIV
Laude LXXIX
Laude XCI
Laude XIV
Laude LI
Laude LVII
Laude XXIX
Laude XLV
Laude XLIV
Laude XLII
Laude IV
Laude LX
Laude LXXXI
Laude LXXXII
Laude LXXXV
Laude LXXVII
Laude XXXII
Laude XXXV
Laude XXXVII
Laude XV
Laude XLIX
Laude XLI
Laude XL
Laude XXI
Laude LXXIII
Laude LXXXIII
Laude VIII
Laude XVII
Laude LXI
Laude LXII
Laude IX
Laude VII
Laude LXXVI
Laude XXXIV
Laude XX
Laude XXXVIII
Laude LXIV
Laude LVI
Laude LVIII
Laude I
Laude XLVIII
Laude II
Laude XXXIX
Laude XXIV
Laude LXXXVII
Laude LXXI
Laude XXVI
Laude XXIII
Laude XVIII
Laude LXVI
Laude L
Laude XLVII
Laude X
Laude LIII
Laude LXVIII
Laude LIX
Laude XXV
Laude LXXX
Laude XI
Laude LXXXIV
Laude XII
Laude XXX
Laude XC
Laude XXXI
Laude LXXXVIII
Laude LXXI